GS Legno | Grandissimo interesse per Livingbox, la casa green di Edilportale
12261
post-template-default,single,single-post,postid-12261,single-format-link,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.2.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,vertical_menu_background_opacity_over_slider vertical_menu_background_opacity_over_slider_on,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
Gen 31 2014

Grandissimo interesse per Livingbox, la casa green di Edilportale

Grandissimo interesse per Livingbox, la casa green di Edilportale

“31/01/2014 – Oltre 600 persone, tra tecnici e operatori del settore delle costruzioni, hanno affollato mercoledì pomeriggio l’Aula Magna dell’Università del Molise a Campobasso per il convegno su Livingbox, la casa modulare, prefabbricata, trasportabile e riciclabile ad alta efficienza energetica realizzata da Edilportale su concept dell’Università di Trento.

Dopo la presentazione in anteprima assoluta al Made Expo di Milano lo scorso ottobre, Livingbox, ora collocato di fronte alla biblioteca dell’Ateneo molisano, non smette di incuriosire i professionisti, grazie alle sue innovative caratteristiche: la versatilità applicativa, le alte prestazioni energetiche, la perfetta sintesi tra design e uso razionale degli spazi.

Tanto interessante da essere richiesto dal mercato, per essere abitato come una casa vera e propria. Per soddisfare questa domanda, entro il mese di febbraio sarà possibile acquistare i primi moduli, a partire da 1.000 euro al metroquadro. Livingbox sarà infatti prodotto in serie e commercializzato da Edilportale in partnership con ‘Garden Strutture Legno’ di Campobasso.

L’incontro di mercoledì scorso, dal titolo “Soluzioni abitative ad alta efficienza energetica”, organizzato da Edilportale in collaborazione con Agorà, ha messo in luce tutte le peculiarità di Livingbox: la semplicità di realizzazione, la trasportabilità via mare o terra, anche su grandi distanze, la velocità di assemblaggio di utilizzo. E ancora, la sostenibilità: Livingbox è una Near Zero Energy House, dotata di sistemi per l’approvvigionamento di energia da fonti rinnovabili per limitare al massimo l’utilizzo di energia di origine fossile.

Inoltre, è realizzata con materiali naturali, riciclabili e riciclati: la struttura, composta da pannelli portanti di legno di abete a strati incrociati (XLAM) è biocompatibile e consente di limitare le emissioni di CO2, sia in fase di montaggio sia nelle fasi di gestione e dismissione. Elementi che hanno fatto guadagnare a Livingbox la certificazione ‘Make It Sustainable’.

Alla realizzazione di Livingbox hanno collaborato: Velux, Rockwool, Knauf, Roofingreen, Edilana, AGB, Faraone, Internorm, Hella, Prefa e Rothoblaas per l’involucro esterno; Olimpia Splendid, Bticino e Geberit per gli impianti; DEMODE engineered by Valcucine, CLEI, Duravit, Newform, OIKOS, Ermetika, Knauf, Hafro, Laterlite e Garbelotto per gli interni; ICMQ per la certificazione ‘Make it sustainable’.

I lavori del convegno, aperti da Mario Marchetti, Prorettore Vicario e alla Ricerca dell’UNIMOL, sono stati condotti da Antonio Frattari, docente all’Università di Trento, che ha raccontato le caratteristiche dell’unità residenziale, evidenziandone le potenzialità strutturali, di utilizzo e di costruzione – quest’ultimo punto grazie anche al supporto di Agostino Presutti, strutturista Ids Ingegneria, che ne ha curato la parte tecnica e che ha sottolineato i tempi di realizzazione minimi e calibrati in un’ottica di sostenibilità e biocompatibilità.

La seconda parte dell’incontro è stata dedicata al legno, in particolare ai vantaggi di questo materiale nelle costruzioni, dalla sua sostenibilità alla sua compatibilità con gli aspetti antisismici, e alla normativa che ne regola l’utilizzo. Molta la curiosità e l’interesse da parte del pubblico in sala che più volte ha interagito con i relatori per comprendere al meglio ogni singolo aspetto di Livingbox e le possibilità di costruire in legno.

Il prof. Bruno Lasserre del Dipartimento di Bioscienze e Territorio dell’Università degli Studi del Molise, ha spigato il legno come una risorsa naturale, rigenerabile e sostenibile, sottolineando che l’Italia è il Paese con un livello di wood mobilization più basso in Europa. In questo scenario, Stefano Dezzuto, FederlegnoArredo, ha mostrato i principali ambiti normativi di riferimento alla produzione ed al commercio di prodotti da costruzione in legno.

Il prof. Giovanni Fabbrocino del Dipartimento di Bioscienze e Territorio Intelligenze – UNIMOL, e il prof. Massimo Fragiacomo del Dipartimento Architettura, Design e Urbanistica – Università di Sassari, hanno illustrato le prestazioni del legno come materiale strutturale dal punto di vista di contenimento energetico, di comportamento al fuoco e di comportamento in zona sismica.

In chiusura l’ing. Agostino Presutti è entrato nel merito delle diverse fasi di realizzazione di un edificio di 7 piani, evidenziando gli aspetti positivi e negativi riscontrati nella fase di cantiere. Non più un tabù, dunque, ma edifici che si integrano sempre più con strumenti rinnovabili e che garantiscono un basso impatto ambientale.

Dopo l’evento, i tecnici hanno visitato Livingbox, che è stato aperto per l’occasione.

L’evento è stato patrocinato e organizzato con il supporto di ANCE Molise, ANIEM-ACEM Molise, Regione Molise, Scuola Edile del Molise, Legambiente, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Campobasso, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Benevento, Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Campobasso, Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Isernia, Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Benevento, Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati delle Province di Campobasso e Isernia, Ordine degli Architetti della Provincia di Campobasso, Ordine degli Architetti della Provincia di Benevento.

di Rossella Calabrese
EdilPortale”