GS Legno | Tecniche Costruttive
10791
page-template-default,page,page-id-10791,edgt-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,hudson-ver-1.2.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,vertical_menu_background_opacity_over_slider vertical_menu_background_opacity_over_slider_on,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive
 

Tecniche Costruttive

Le tecniche costruttive della Gs Legno

La sezione si rivolge ai più curiosi e a coloro che sono interessati a capire quali tecniche costruttive vengono applicate quando si realizzano fabbricati in legno lamellare, dove ogni elemento è il risultato di un lavoro basato su standard di alto livello e sull’attenzione per le rifiniture.
Guarda nel dettaglio le Nostre tecniche costruttive, la Tua strada verso un ambiente più sano.

 

Sistema X-LAM

La tecnica dell’ X-LAM consiste nella realizzazione di un pannello multistrato composto da tre, cinque o sette strati sovrapposti di lamelle di
legno strutturale, con una notevole resistenza meccanica e uno spessore variabile tra i 16 e i 35 mm. Le lamelle vengono unite testa contro testa con “giunti a dita”; la direzione delle lamelle di uno strato deve essere ortogonale a quella delle lamelle dello strato adiacente, in modo tale che questa disposizione incrociata possa conferire al pannello un ottimo comportamento meccanico in tutte le direzioni ed eccellenti caratteristiche di stabilita dimensionale. Questa tecnica permette di ottenere un materiale monolitico come il legno massello, in cui i pannelli sono composti da 99,4 % di legno e solo dallo 0,6 % di collante.
La realizzazione di un fabbricato con questo sistema è molto rapido, in quanto, dopo aver realizzato il pannello x-lam, vengono creati in stabilimento i vuoti delle finestre e delle porte, si procede poi alla composizione in cantiere delle pareti (sia perimetrali che interne), fino a creare il primo piano, viene quindi realizzato il solaio di piano. Si procede con questo metodo fino fino al piano ultimo, sul quale verrà realizzata la copertura in legno che può essere sia a pannelli che a travi portanti.
Le fondazioni sono realizzate con platea in cemento armato o piano interrato in c.a.. Il collegamento fra la struttura in legno e le fondazioni in c.a. viene assicurato mediante piastre specifiche.
Questi pannelli possono essere impiegati per pareti, solette e tetti in edifici mono e plurifamiliari, palazzine e uffici, capannoni industriali, ampliamenti e sopraelevazioni.

 

Sistema Platform Frame

E’ il sistema costruttivo tra i più diffusi al mondo. Si procede assemblando in stabilimento una parete composta da montanti verticali con vuoti di 50/80 cm all’interno dei quali viene posto il materiale isolante. Successivamente l’elemento parete viene chiuso con pannelli in Oriented Strand Board, atti a garantire la controventatura della parete stessa. La realizzazione del fabbricato in cantiere avviene fissando gli elementi parete, sia esterne che interne, al basamento (generalmente una platea in cemento armato); la fase successiva è quella della posa del solaio in legno con travi a vista o meno. Queste fasi vengono ripetute fino ad arrivare alla copertura, la quale viene realizzata anch’essa in stabilimento e poi assemblata in cantiere. Il collegamento fra la struttura in legno e le fondazioni in c.a. viene assicurato mediante opportune aste filettate in acciaio o tasselli specifici.

 

Sistema a Telaio

E’ un sistema simile al PLATFORM FRAME. La differenza fondamentale con il Platform Frame sta nel realizzare per primo il telaio portante del fabbricato con travi e pilastri in legno lamellare, e passare poi alle tamponature esterne e i divisori interni, realizzati con pannelli prefabbricati come il platform frame. Le fondazioni anche in questo caso sono realizzate con platea in cemento armato o piano interrato in c.a.. Il collegamento fra la struttura in legno e le fondazioni in c.a. viene assicurato mediante piastre metalliche e opportune barre filettate in acciaio o tasselli a pressione.